L’Archimede partecipa con successo al Trofeo del Mare

 

Taranto e il Trofeo del Mare. Un binomio perfetto tra la capitale del mare ed una manifestazione sportiva di grande successo che ne esalta l’unicità delle risorse paesaggistiche. La terza edizione del Trofeo, organizzata dal Comando Marittimo Sud della Marina Militare, dal 5 al 20 ottobre ha visto più di cinquecento ragazzi impegnati in regate e gare per ben otto discipline sportive legate al mare: vela (nelle specialità Trident e J24), lancia a dieci remi più uno e gozzo nazionale a quattro remi più uno, canoa a uno o a due posti, stand up paddle (Sup). E quando si parla di mare, l’indirizzo nautico dell’istituto Archimede è sempre tra i protagonisti, riportando anche ottimi risultati. All’evento sportivo hanno preso parte, infatti, le classi III e IVD, insieme agli studenti di diciotto istituti secondari di secondo grado di Taranto, Castellaneta, Grottaglie e Pulsano e, fuori provincia, anche di Gallipoli, Mesagne, Molfetta e Bari. Il 17 ottobre, i ragazzi dell’Archimede si sono aggiudicati il terzo posto nella finale tiratissima di canottaggio sedile fisso, specialità gozzo nazionale, mentre il giorno successivo si sono classificati secondi su nove partecipanti nella finale di canottaggio sedile fisso, specialità lance a 10 vogatori.


La manifestazione, che ha proposto anche eventi sociali, mostre, concerti, convegni e laboratori, è nata dalla significativa collaborazione tra Marina Militare, Comune di Taranto, Coni Comitato provinciale, Miur Puglia Ufficio scolastico provinciale, Federazioni sportive (FIV, FICSF, FIC, FICK, FIN, FITRI, FIPSAS, FICr), Circoli velici, Associazioni dilettantistiche sportive locali e sponsor privati. L’Amministrazione comunale ha voluto includere questa manifestazione tra quelle che accompagneranno la città verso i Giochi del Mediterraneo 2026, concedendone al Trofeo il logo oltre a quello di “Taranto Capitale di Mare”.

L’intento della Marina Militare? Avvicinare i più giovani alla cultura del mare e agli sport ad esso legati, sensibilizzarli al rispetto di questa preziosa risorsa naturale ed economica, vera e propria carta d’identità della nostra città. È per questo motivo che la Marina ha messo a disposizione del Trofeo le proprie barche a vela e le navi scuola, mezzi naturali ed ecologici per eccellenza.

Il Trofeo del Mare ha dato anche la possibilità agli studenti partecipanti di prendere lezioni teoriche e pratiche, di vela, canottaggio, canottaggio a sedile fisso, canoa, canoa polo e stand up paddle, presso le sedi della sezione velica della Marina, della Lega Navale Italiana, del Palio di Taranto, e presso il Molo Sant’Eligio, impartite da istruttori federali e atleti delle ASD e Circoli velici partner della manifestazione.

Nel Castello Aragonese la gran serata finale degli studenti il 18 ottobre, a conclusione di quindici intensi giorni ispirati all’entusiasmo, al divertimento, all’amicizia ed alla solidarietà. Uno degli obiettivi primari che ha ispirato il Trofeo del Mare è stato, infatti, quello di facilitare l’inserimento dei ragazzi in gruppi di lavoro come “squadra ed equipaggio” per lavorare in team nel pieno rispetto dello spirito sportivo.

Per la serata conclusiva, le allieve dell’indirizzo moda, sezioni N ed O dell’Istituto Archimede, hanno sfilato indossando capi ispirati ai colori del mare e realizzati a scuola come l’originale coreografia presentata. Ad applaudirle, il Dirigente Scolastico dell’Archimede, professoressa Patrizia Capobianco, che ha preso parte alla serata insieme ai dirigenti degli altri istituti ed ha ritirato una targa di partecipazione al Trofeo. “La risorsa mare si conferma la più importante alternativa all’industrializzazione”, afferma il DS Capobianco. “La blue economy rappresenta il futuro, è pulita oltre ad essere strategica per il Paese. Il suo potenziale è significativo in termini di posti di lavoro e si lega a diverse catene di valore, tra cui, ad esempio, il turismo, il trasporto marittimo, la pesca, il diporto quali possibili fonti di crescita sostenibile. La Puglia con i suoi quasi 800 km di costa, sta crescendo molto negli ultimi anni sul fronte del turismo e della nautica. Iniziative come il Trofeo del Mare -  sottolinea Capobianco - non possono che valorizzare questo orientamento, rafforzando anche il legame storico-culturale della città di Taranto con le sue tradizioni marinare”.

 

Taranto 19 ottobre 2019

Visite: 45